L'Associazione Passi da Ciclope è stata costituita il 20 dicembre 2013 grazie ad un Programma della Regione Puglia "Principi Attivi”. L'idea era quella di creare un'associazione che mettesse insieme la passione per il sociale coinvolgendo i ragazzi a rischio dei quartieri più disagiati di Bari e la passione per la bicicletta come momento aggregativo. Per questo si é deciso di aprire la Ciclofficina proprio al CEP, il Quartiere S. Paolo di Bari, un quartiere da sempre a rischio. Passi da Ciclope è ospitata nei locali della Parrocchia San Giovanni Bosco. Quello che contraddistingue da subito i ragazzi della Ciclofficina è il loro modo di intendere la bicicletta come strumento di integrazione che sia di raccordo e per gli abitanti del quartiere che del quartiere stesso con il centro di Bari. La Ciclofficina diventa così il luogo si impara a fare manutenzione alla propria bicicletta. Fase 1 - Ciclope ti insegna a riparare. Fase 2 - Tu ripari da solo la tua bici. Fase 3 - Tu insegni ad aggiustare. L'associazione é coinvolta in progetti di mobilità sostenibile con le scuole attraverso laboratori di autocostruzione. Di qui la realizzazione di CARGO BIKE per trasportare merci e TRIKE un triciclo per la vendita dell’olio. L'associazione opera anche su Molfetta dove ha un accordo con la locale municipalizzata per il recupero di biciclette rottamate che attraverso il riuso di pezzi di ricambio possono rivivere in altre. L'innovazione è quindi nel ruolo della ciclofficina: non si va dal solito meccanico di biciclette ma si incontra un vero e proprio mastro 2.0 che ti insegna a voler bene alle tue due ruote. La sede dispone di 4 cavalletti dove è possibile rimettere in ordine la bicicletta dalla semplice foratura alla regolazione dei raggi. I piccoli cicloamatori riparano la propria camera d'aria in autonomia grazie agli insegnamenti dei ragazzi. Fiore all'occhiello dell'associazione Passi da Ciclope è il prototipo di una bici in bambù. Il bambù coltivato in Italia e’ un legno ideale che assorbe le vibrazioni e le sollecitazioni della strada. Questo progetto diventa ecosostenibile e annulla la filerà dell'alluminio ed è rivestito da una vernice poliuteranica che fa resistere il telaio all'acqua. Questo progetto è incubato in una start up che potrà vedere a breve una produzione sul mercato. Il prodotto è fatto a mano ed è quindi un unicum. www.passidaciclope.org