Salentec è un’azienda che fonda la sua nascita ed esistenza sull’essenza pura del concetto di innovazione, anche e soprattutto nelle menti di chi anima questa realtà, perennemente protese al futuro, quasi nella missione di anticiparlo. Nasce nel 2005 dalla volontà di un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione (Università del Salento): Antonio Licciulli, Maurizio Fersini, Sergio Franza, Daniela Diso e Antonio Chiechi. Nasce come spin off, quando ancora gli spin off non erano conosciuti e riconosciuti dall’ateneo salentino e forte era la resistenza (l’ufficialità arriva nel 2007). Salentec ha il suo quartier generale a Lecce (una grande struttura sulla via per Monteroni) e segue alcuni progetti a Brindisi, presso la Cittadella della Ricerca, in collaborazione con l’Università. L’azienda si fonda su attività di ricerca industriale su commessa, piccola produzione di materiali, forni ad elevate temperature, customizzazione di macchinari su temperature estreme, produzione di strumenti scientifici e forni a temperature elevate. La maggior parte del fatturato deriva da clientela composta da multinazionali quali Rolls Royce, Italcementi, Pilkington, solo per citarne alcuni.   www.salentec.com
BioDesArt è un’associazione no-profit nata da un progetto selezionato dalla Regione Puglia per il bando “Principi Attivi 2012”. L’idea dell’associazione nasce dalle ricerche condotte sui temi della biomimesi, bio-design, design sistemico, eco-design e bio-industria, ovvero soluzioni progettuali orientate alla rigenerazione del capitale naturale da lasciare alle future generazioni. Si parla per questo di sostenibilità forte in quanto una delle sfide più importanti del futuro sarà relativa alla limitatezza delle risorse della terra e alla tutela della sua resilienza. BioDesArt è catalizzatore di idee innovative, sostenibili e bio-ispirate, sviluppate attraverso una piattaforma di co-progettazione e blog-network che promuove relazioni sinergiche tra professionisti, istituti di formazione, il settore artigiano, industriale e tecnologico, attraverso un approccio multidisciplinare tra differenti campi di azione (design, arte, scienza, industria) finalizzato alla valorizzazione di nuovi concept di prodotto, processo e servizio. BioDesArt ha promosso il trasferimento della ricerca scientifica, nel campo della sostenibilità forte, valorizzando le innovazioni tecnologiche dell’Università del Salento secondo le più restrittive e vincolanti norme ambientali nazionali ed internazionali con il progetto Green Skin materiale eco-innovativo e bio-ispirato che si presenta come una valida alternativa alla pelle animale e sintetica. Green Skin ha ottenuto il riconoscimento dello “Start cup Puglia 2013” nella sessione industrial. Ciò ha consentito di fondare nel 2015 BioFaber, una start up innovativa, che produrrà cellulosa di origine batterica tra cui “Green Skin”, materiale eco-innovativo e bio-ispirato ad alto valore tecnologico, che potrà essere utilizzato nei settori trainanti del Made in Italy, automobilistico, arredamento e abbigliamento. Al tatto e alla vista, i prodotti realizzati con questa pelle, sono paragonabili alla comune pelle è può essere utilizzata in vari settori. Questo biopolimero nanostrutturato è ottenuto dalla simbiosi di batteri e funghi, già presenti in prodotti alimentari. Il processo produttivo [...]
Plasmapps Srl opera nei settori dell’avanguardia Hi-Tech per la ricerca e lo sviluppo di processi innovativi al plasma, consistenti in trattamenti superficiali che permettono di ottenere nuovi materiali ad elevatissime prestazioni, in tantissime applicazioni industriali. Plasmapps offre infatti alle aziende processi e reattori plasmochimici per la modificazione superficiale dei materiali, risultato di know-how accademico e maturata esperienza nel campo industriale. La Tecnologia del Plasma a bassa pressione risulta essere una valida alternativa ai convenzionali processi di modificazione superficiale per via umida, con vari vantaggi dovuti alla sua eco-sostenibilità. La chimica del Plasma infatti è una chimica a secco, che utilizza piccole quantità di reagenti e lavora in assenza di solventi.  Differenti sono le soluzioni proposte per il trattamento superficiale di oggetti tridimensionali, di tubi, fili, nastri, bobine, tramite reattori batch, roll to roll, reel to reel, etc. per aziende e industrie di importanza nazionale ed internazionale. Il proprio know how viene offerto dall’azienda per varie applicazioni industriali: dalla protezione dei metalli e della gomma, alle attivazioni superficiali di polimeri, mettendo a punto processi che includono la deposizione di film sottili nanostrutturati, funzionali, film barriera per packaging alimentare e farmaceutico, film anticorrosione e protettivi, innesto di gruppi funzionali per la modulazione del carattere idrofobo/idrofilo di carta, plastica e tessuti.   www.plasmapps.com